Flauti Yamaha serie 200

Yamaha serie 200

6.4
Qualità/prezzo 4.0
Resistenza 9.0
Tecnologia 6.0
Materiali 8.0
Tamponatura 5.0

Vantaggi

  • È acquistabile ovunque
  • Elevata standardizzazione
  • Argentatura e meccanica resistente
  • Alta rivendibilità

Difetti

  • Prezzo elevato
  • Tamponatura perfettibile

Lo Yamaha serie 200 è forse il flauto da studio più famoso al Mondo. In vendita praticamente ovunque, dai negozi di musica più piccoli fino ai supermercati dalla grande filiera distributiva (si trovano anche alla SME!!). È proprio questa sua grande diffusione capillare a renderlo molto noto al grande pubblico e quindi è molto richiesto sul mercato dell’usato.

La serie 200 Yamaha si divide in:

  • YFL 212: Chiavi chiuse, Sol fuori con Mi snodato
  • YFL 222: Chiavi chiuse, Sol fuori senza Mi snodato
  • YFL 262: Chiavi aperte, Sol fuori senza Mi snodato
  • YFL 272: Chiavi aperte, Sol fuori con Mi snodato
  • YFL 282: Chiavi aperte, Sol in linea senza Mi snodato

Lo Yamaha serie 200 conserva una notevole robustezza costruttiva (soprattutto l’argentatura praticamente indistruttibile) che ha fatto la fortuna di questo marchio. Se considerato il prezzo, la meccanica potrebbe essere, a nostro giudizio, più fluida. Con i nuovi modelli dell’ultima serie, l’aspetto estetico è stato migliorato con l’introduzione dei braccetti alla francese (french pointed arms).

La tamponatura di feltro tessuto (quindi la tipologia più morbida) è migliorabile considerato il prezzo del flauto, abbastanza elevato.

La testata è standardizzata ma è uno degli elementi di pregio di questo strumento. Molto valida per l’emissione de primi suoni e per il primo periodo di studio.

Insomma, Yamaha è ancora oggi sinonimo di garanzia. Ma le possibilità di scelta tra le altre marche di flauti più performanti e raffinati sono aumentate e la tecnologia rende il Mondo più piccolo.

Resta comunque un buon flauto da studio, e questo ci preme sottolinearlo. Chi sceglie Yamaha non resterà deluso. Non ce ne vogliano gli appassionati Yamaha, ma pensiamo solo che sia uno strumento molto sopravvalutato rispetto al prezzo pagato ed è soprattutto per questo aspetto che nel nostro punteggio perde terreno rispetto ai concorrenti.

# NOME RATING PREZZO Statistiche
1

Jupiter JFL 700 (EX 511)

Descrizione completa

530€

Qualità/prezzo
80
Resistenza
50
Tecnologia
50
Materiali
80
Tamponatura
60
2

Yamaha serie 200

Descrizione completa

600€

Qualità/prezzo
40
Resistenza
90
Tecnologia
60
Materiali
80
Tamponatura
50
3

BRICCIALDI J200

Descrizione completa

340 €

Qualità/prezzo
80
Resistenza
80
Tecnologia
30
Materiali
50
Tamponatura
70
4

Flauto Di Zhao Debut DZ-100

Descrizione completa

580€

Qualità/Prezzo
60
Resistenza
60
Tecnologia
50
Materiali
80
Tamponatura
60
5

Flauto Pearl 505

Descrizione completa

630€

Qualità/prezzo
40
Resistenza
60
Tecnologia
80
Materiali
80
Tamponatura
30
6

Flauto Trevor James 3005 (5x) 3015

Descrizione completa

450 €

Qualità/prezzo
20
Resistenza
30
Tecnologia
30
Materiali
70
Tamponatura
30
logo

Related posts

Flauto Di Zhao Debut DZ-100

Flauto Di Zhao Debut DZ-100

Il marchio Di Zhao è stato fondato nel 2006 e produce flauti di buona qualità. La fabbrica è situata in Cina. Il modello DZ-100 è il più economico del marchio ed è dotato di una robusta meccanica e buona tamponatura. L'aspetto meno convincente è l'assenza di French pointed arms (Braccetti...

Flauto Jupiter JFL 700 (ex 511)

Flauto Jupiter JFL 700 (ex 511)

Jupiter è uno dei marchi dell'azienda cinese KHS (proprietaria anche di Azumi e Altus). Il modello JFL 700 è un upgrade del precedente JFL 511. Una migliore argentatura ed una boccola rivista rendono questo flauto leggermente più performante rispetto la serie precedente. Il suono è migliorato...

FLAUTITALIA BRICCIALDI mod. “J200”

FLAUTITALIA BRICCIALDI mod. "J200"

Il modello "J200" è il flauto più economico del marchio italiano, disponibile solo per il mercato interno. Ha una meccanica abbastanza fluida ed una buona tamponatura. Meccanicamente non ha la robustezza del modello "203" e sono assenti molte delle sue finezze costruttive. Ha braccetti ad...

  • Luciano ha detto:

    È stato il mio primo flauto da studio più di 10 anni fa. Decisamente un buon acquisto. Se tornassi indietro lo ricomprerei, però è anche vero che una volta non c’era molta varietà di scelta. I flauti più economici avevano una qualità abbastanza scadente.

  • Marina ha detto:

    Conosco molto bene la serie 200 Yamaha. Un tempo consigliavo sempre questo ai miei alunni. Sicuramente il miglior flauto da studio “commerciale” al Mondo. Nel senso che è vero che lo trovi praticamente ovunque. La testata è fatta “a stampo”. Tutte uguali tra loro. La meccanica è affidabile, però la trovo troppo alta e scomoda per il mio modo di suonare. Onestamente a quei prezzi c’è di meglio in giro.

  • Valeria Carioti ha detto:

    Sono proprietaria di uno Yamaha 271 ed ho visto un video Youtube pubblicato da un negoziante il quale dice che la tamponatura Yamaha è ottima e che non bisogna credere a chi dice il contrario. Su quale base dite che la tamponatura Yamaha lascia a desiderare? Grazie

    • admin ha detto:

      Premesso che i negozianti solitamente fanno sempre il loro interesse e reclamizzano i prodotti che loro stessi vendono (giustamente, è il loro lavoro di commercianti, ci mancherebbe altro!) la questione della tamponatura Yamaha è stata spesso dibattuta. Sia ben inteso, lo Yamaha è comunque un buon flauto, altrimenti non lo avremmo messo in elenco (considerato che il sito si chiama per l’appunto il Migliore flauto traverso). Però non ha un buon rapporto qualità/prezzo ed effettivamente la tamponatura può essere migliorata. Lo dicono i fatti ed anche uno dei referenti Yamaha Europe lo ha scritto con il suo profilo ufficiale (quindi è certo che fosse lui) qualche anno fa su un noto forum di musica italiano. Lascio i riferimenti.
      Tamponatura Yamaha
      https://www.musica-classica.it/forum/index.php?/topic/14006-lannosa-questione-del-flauto-nuovo-da-studio-professionale-etc/page/9/#comment-702579

      Quindi inutile negare ed arrampicarsi sugli specchi! Lo hanno ammesso anche loro.