Flauto Pearl PF 505

Flauto Pearl 505

6
Qualità/prezzo 5.0
Resistenza 6.0
Tecnologia 8.0
Materiali 8.0
Tamponatura 3.0

Vantaggi

  • Meccanica moderna
  • Alta rivendibilità

Difetti

  • Prezzo elevato
  • Tamponatura scadente
  • Suono leggero

Sin dagli anni ’80 (al tempo si chiamava PF-501) è stata l’unica vera alternativa ai modelli Yamaha da studio. Dotato sin da allora di un’innovativa meccanica pinless, il flauto Pearl da studio è migliorato ulteriormente fino ad arrivare ai giorni nostri. Dotato di un suono più leggero rispetto al “rivale” Yamaha, è comunque riuscito a far breccia sul mercato ritagliandosi una notevole fetta di mercato.

La meccanica è fluida e scorrevole, di tipo moderno. Però il problema principale della serie Quantz è nella tamponatura, rivelatrice della fattura Made in Taiwan dello strumento. Il tampone è scaldato e compresso in modo tale da lasciare brutti solchi sulla superficie, indice di una lavorazione grossolana. Il risultato in tal senso è molto modesto, con numerosi sfiati e una precaria affidabilità per il futuro, in quanto tamponi trattati in tal modo tendono a ritornare alla forma originaria. Sarà comunque difficile riutilizzarli per rispessoramenti futuri.

Lodevole l’intento di dotare una meccanica pinless su tutti i modelli, inclusi quelli da studio come il PF 505. Però occorrerebbe trovare un’altra soluzione per il sistema di fissaggio a brugola (al posto delle spine) della mano destra. In quanto le brugole potrebbero rovinare la filettatura interna con gravi conseguenze per la stabilità di tutto il meccanismo. Quindi sistema promosso per il pinless della mano sinistra, ma da rivedere per quello della mano destra.

# NOME RATING PREZZO Statistiche
1

FLAUTITALIA Briccialdi 203

Descrizione completa

529€ (a richiesta - solo Italia)

Qualità/prezzo
100
Resistenza
90
Tecnologia
80
Materiali
100
Tamponatura
100
2

Jupiter JFL 700 (EX 511)

Descrizione completa

530€

Qualità/prezzo
80
Resistenza
50
Tecnologia
50
Materiali
80
Tamponatura
60
3

Flauto Di Zhao Debut DZ-100

Descrizione completa

580€

Qualità/Prezzo
60
Resistenza
60
Tecnologia
50
Materiali
80
Tamponatura
60
4

Flauto Pearl 505

Descrizione completa

630€

Qualità/prezzo
50
Resistenza
60
Tecnologia
80
Materiali
80
Tamponatura
30
5

Yamaha serie 200

Descrizione completa

600€

Qualità/prezzo
20
Resistenza
90
Tecnologia
50
Materiali
80
Tamponatura
50
6

Flauto Trevor James 3005 (5x) 3015

Descrizione completa

450 €

Qualità/prezzo
20
Resistenza
30
Tecnologia
30
Materiali
70
Tamponatura
30
logo

Related posts

Flauto Jupiter JFL 700 (ex 511)

Flauto Jupiter JFL 700 (ex 511)

Jupiter è uno dei marchi dell'azienda cinese KHS (proprietaria anche di Azumi e Altus). Il modello JFL 700 è un upgrade del precedente JFL 511. Una migliore argentatura ed una boccola rivista rendono questo flauto leggermente più performante rispetto la serie precedente. Anche se il suono pecca...

Flauti Yamaha serie 200

Flauti Yamaha serie 200

Lo Yamaha serie 200 è forse il flauto da studio più famoso al Mondo. In vendita praticamente ovunque, dai negozi di musica più piccoli fino ai supermercati dalla grande filiera distributiva (si trovano anche alla SME!!). È proprio questa sua grande diffusione capillare a renderlo molto noto al...

FLAUTITALIA Briccialdi 203

FLAUTITALIA Briccialdi 203

La Flautitalia Briccialdi ha avviato la sperimentazione dei primi prototipi negli anni 2000. In Italia la vendita avviene scavalcando la normale filiera distributiva (negozianti). Ciò consente di abbattere notevolmente il prezzo finale. Il modello "203" è ormai da annoverare tra i...

  • Francesco ha detto:

    Da piccolo avevo un Pearl 501 e ad un certo punto riuscivo a smontarlo tutto da solo. Operazione che non mi riusciva con lo Yamaha. Merito del sistema con le brugoline. Ricordo anche che però qualcosa si era inceppato durante il rimontaggio e poi non ha mai più suonato bene.

    • Antonio Stefanelli ha detto:

      Probabilmente è proprio quel sistema a brugoline che ti ha fregato. Si rovinano e poi son dolori. Non risolvi più. Il sistema Pearl è un falso pinless. E poi la tamponatura di un Pearl fa davvero pena. Cineserie made in Taiwan vendute a peso d’oro. A quel punto, se proprio volete farvi depredare il portafoglio, meglio lo Yamaha. Almeno lo rivenderete più facilmente

  • Teresa Bisazza ha detto:

    Faccio sempre comprare Pearl ai miei alunni e non mi trovo male. Ho il rivenditore in città che fornisce anche buona assistenza quindi preferisco per tranquillità andare sul sicuro.
    Consiglio anche i Briccialdi 203 (in tutta onestà costano di meno e li ho trovati anche migliori) . Ma vendono solo all’ingrosso e non tutti sono propensi ad effettuare ordini a distanza.

    • brian ha detto:

      i briccialdi sono favolosi, sono allo stesso piano dei muramatsu o dei branner sono davvero straordinari tu che flauto hai?

      • Teresa Bisazza ha detto:

        Io personalmente suono un Muramatsu AD primi anni 90, quando ancora la Muramatsu era degna del suo blasone (gli ultimi fanno pena). I flauti Briccialdi si stanno confermando al di sopra di ogni più rosea aspettativa. Davvero ottimi. Se non fossi già soddisfatta con il mio attuale flauto ci farei un pensierino. Probabilmente però comprerò una loro testata in oro per fare un upgrade.